Valmalenco Ultra Distance

E così mi ritrovo in un letto alle 21 di sera, in una splendida casa messa a disposizione da Davide, lampi e tuoni in lontananza, la partenza posticipata alle 24 causa maltempo che ha obbligato l’organizzazione a modificare il percorso.  Alle 22.30 proviamo a  prepararci, fuori non fa freddo e neppure piove.  La speranza è almeno quella di partire asciutti.

 

 

Arriviamo giusti giusti al nastro di partenza  prima che inizi a piovere.  Per fortuna ci si riesce a riparare sotto una grande porta del paese.  Lo start tra ali di folla nonostante il meteo inclemente.  Mi sfilo dalla prime posizioni. Per un breve tratto sono con Davide e Graziana. Inizia la salita al Bosio e la pioggia diventa abbondante.  Al rifugio fa un freddo boia, meglio non fermarsi troppo. Appena sotto si sta molto meglio.  Volontari e pubblico in abbondanza, sono stupito visto l’ora e il meteo. I piedi sono a mollo da tempo, i ristori per me a base di thè  e biscotti. Arrivo così a Chiareggio, dopo una ulteriore modifica per frana.   Sto bene, forse anche troppo considerando i giorni precedenti.  Bresaola e parto per il rif Longoni.  Ecco esagero un po’ nel tirare la salita, ma arrivo tranquillo a destinazione, la discesa successiva non è per nulla facile ma si riesce a scendere  con un po’ di regolarità inaspettata visto il fondo sconnesso.  Spesso ho l’acqua alla caviglia.  Al ristoro Palù mi accorgo di avere fatto un errore di interpretazione della cartina, sono molto più indietro di quello che pensavo,  le spie di riserva vanno in “ALLERT”, non mi resta che guardare sul tavolo. Toma e Prosecco, yes! Almeno il primo degli atleti transitati a bere il vino J.  Da lì in poi vado in difficoltà, tengo ancora botta sino alla diga di Campo Moro. Mi dicono che poi è quasi tutta discesa,  ma la realtà e ben diversa. Soffrirò parecchio questi ultimi 16 km, l’ultima discesa poi è un supplizio vero e proprio, ma mentalmente sono molto tranquillo e rilassato . Ecco il traguardo anche questa è andata.

Filippo ottimo terzo, Davide splendido finisher con la prima donna Graziana. Un piccolo rammarico per Silvio ritiratosi per il freddo, e via di terzo tempo. Birra e pasta e bresaola.  E il giorno dopo gita in famiglia al rif Gerli/Porro e poi l’indomani ancora un bel giro al Rif Del Grande Camerini, perché quando la testa è a posto le gambe la seguono…

Questa voce è stata pubblicata in Varie. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Valmalenco Ultra Distance

  1. Silvio scrive:

    SILVIO è una pippa…..ciao atleta

Lascia un commento